Rifondazione Comunista: adesione a giornata “sfratti zero”

  • Posted on: 9 October 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

Rifondazione Comunista aderisce alle mobilitazioni del 10 0ttobre, per la giornata nazionale Sfratti zero e partecipa alle iniziative che si svolgeranno sui territori.
Sfratti zero giunge ormai alla sua quarta edizione: la perdita della casa non è emergenza temporanea ma questione drammatica in costante aumento in tutti questi anni, non più circoscritta ai comuni capoluoghi di provincia. Il diritto negato alla casa è ormai un simbolo paradigmatico di questa crisi economica: perdi il lavoro = perdi la casa. Più del 90% degli sfratti sono per morosità incolpevole.
Il diritto negato alla casa è paradigmatico anche della totale indifferenza dei governi di centro sinistra e di centro destra che si sono succeduti da troppi anni, che hanno sostanzialmente ignorato il dramma per le persone di subire uno sfratto esecutivo.
Invece di rispondere a questi bisogni popolari si è continuato a costruire molto, ma non per l’edilizia sociale bensì per l’attività immobiliare speculativa e finanziaria. E le stesse amministrazioni hanno rincorso le speculazioni private bloccando un patrimonio pubblico spesso inutilizzato per poi venderlo a fini speculativi. Questo è avvenuto ignorando il dramma che colpisce famiglie di lavoratori (il cui reddito è insufficiente a pagare un affitto) o dove entrano  disoccupazione o inoccupazione. Senza contare le famiglie di anziani o di giovani che non possono permettersi una casa sul libero mercato. Questa situazione si potrebbe risolvere. Le risorse ci sono a partire proprio da un piano casa di edilizia popolare straordinario che lanci la sfida della rigenerazione urbana: senza consumare ulteriore suolo, riconvertendo il patrimonio dismesso e non usato a edilizia residenziale e sociale per offrire casa e spazi dove riorganizzare servizi e punti di autoorganizzazione sociale.
L’unitarietà delle iniziative realizzate per il 10 ottobre in questi anni, che vede agire insieme sindacati degli inquilini, associazioni e partiti, sportelli casa e di resistenza sociale, movimenti e comitati, sono segnali che proprio a partire dall’azione per difendere e risolvere i problemi drammatici ed emergenziali come il bisogno casa, può crescere una alternativa politica a governi di centro destra e di centrosinistra accomunati da politiche troppo simili.
Maurizio Acerbo, segretario nazionale, Rifondazione Comunista – Sinistra Europea
Monica Sgherri, responsabile casa di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea