Quando la classe dominante aveva paura del comunismo

  • Posted on: 2 November 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

di Liza Featherstone* 

Ci sono molte ragioni irrazionali per essere nostalgici per la metà del ventesimo secolo: chi non ama i mobili, le acconciature, le macchine con le griglie a forma di vulva? Ma ci sono anche molte ragioni pratiche; fu un periodo di significativi cambiamenti sociali, grazie in parte alla guerra fredda tra Unione Sovietica e Stati Uniti.
Ovviamente, la guerra fredda ha causato molta sofferenza umana. La repressione ha guastato la vita politica mentre milioni di persone sono morte in guerre e gulag per procura neocoloniali. E lo stress per il potenziale Armageddon nucleare non era banale. Ma la disputa tra due superpoteri su cui il sistema offriva maggiore comfort, libertà e felicità ai suoi cittadini migliorò notevolmente la condizione umana in tutto il mondo. L’etnografa dell’Università della Pennsylvania Kristen Ghodsee scrive: “il consenso accademico generale è che la gente comune – sia nel mondo capitalista, comunista o in via di sviluppo – ha beneficiato della competizione delle superpotenze. Una conseguenza non intenzionale della tribuna americana e sovietica fu spesso un vero progresso. “Ecco alcuni vantaggi che la classe operaia in Occidente ha raccolto da queste tensioni.

Diritti civili

Come hanno sottolineato molti storici, i leader politici di tutto lo spettro ideologico costantemente sostennero che la segregazione razziale minava la posizione degli Stati Uniti nella Guerra Fredda, facendo sembrare il capitalismo cattivo in patria e all’estero. Gli attivisti per i diritti civili spesso avanzarono tali argomenti e la classe politica li abbracciò. Nel caso Brown vs Board of Education, la storica decisione della Corte Suprema che rese illegale la segregazione razziale, integrando le scuole in tutta la nazione, l’amministrazione Truman presentò un breve resoconto sostenendo che la linea del colore era dannosa per gli interessi della politica estera degli Stati Uniti: “Gli Stati Uniti stanno cercando di dimostrare alla persone nel mondo di ogni nazionalità, razza e colore che una libera democrazia è la forma di governo più civile e sicura mai concepita dall’uomo”. La condizione degli afroamericani  costituiva un ostacolo a questa ambiziosa narrazione, scriveva l’amministrazione, poichè “la discriminazione razziale fornisce grinta per i mulini della propaganda comunista”.

 

Femminismo

 

Come ha raccontato Ghodsee, la situazione superiore delle donne nel blocco orientale era una fonte costante ed efficace di propaganda comunista, che spesso attirava l’interesse delle donne nel mondo capitalista. (I sessuologi della Germania orientale avevano persino scoperto – e il loro governo se ne vantava orgogliosamente – che le donne comuniste avessero più orgasmi delle loro sfortunate controparti della Germania occidentale). Le donne nei paesi occidentali non ottennero il voto fino a dopo la Rivoluzione russa del 1917  che conferì a donne e uomini gli stessi diritti politici. Il sapiente uso femminista delle tensioni della Guerra Fredda portò a un congedo di maternità retribuito in tutti i paesi tranne quattro (uno dei quali erano gli Stati Uniti). Jenny Brown, attivista per i diritti all’aborto e autrice di No Apology, ha recentemente sottolineato in un’intervista con Jacobin che le donne americane hanno conquistato l’aborto legale in parte perché le donne nella maggior parte dei paesi comunisti godevano di questo diritto fondamentale. Divenne, ha notato, una cosa imbarazzante che le donne nel “mondo libero” non avessero rimedi legali per gravidanze indesiderate in patria, ma potessero viaggiare in Polonia e abortire per 10 dollari .

 

Migliori salari e benefici

 

Dopo il 1945, i lavoratori della Germania occidentale ottennero immediatamente il diritto di aderire a un sindacato, di scioperare per migliorare le condizioni di lavoro e in alcuni casi di essere rappresentati nei consigli di amministrazione di grandi aziende. I lavoratori tedeschi ricordano che durante la guerra fredda, “la Germania orientale era sempre al tavolo delle trattative”, osserva Jenny Brown. Negli Stati Uniti, i sovietici finanziarono il Partito Comunista, che si distinse per un’efficace organizzazione del movimento operaio multirazziale, ottenendo miglioramenti per i lavoratori di tutte le razze.

 

Ora che la nostra classe dirigente non ha una superpotenza comunista che gli pesta i piedi, le cose sono piuttosto scadenti. In effetti, quando gli Stati Uniti hanno preso il sopravvento nella Guerra Fredda e alla fine hanno vinto – con il crollo dell’Unione Sovietica e la rivoluzione in declino nel Terzo Mondo – i progressi su tutti questi terreni sono rallentate e alla fine si sono fermate. Le scuole sono state nuovamente segregate. Negli ultimi decenni abbiamo assistito a una drammatica erosione dei diritti all’aborto negli Stati Uniti e anche in molti paesi precedentemente comunisti. In Polonia, ad esempio, un tempo destinazione per l’aborto a 10 dollari, è ora illegale. I salari e gli standard di vita in tutto l’Occidente hanno ristagnato.

 

Ovviamente non possiamo ricreare le circostanze storiche vantaggiose della guerra fredda. Né dovremmo nutrire illusioni sul fatto che le sue tensioni fossero del tutto positive per la classe operaia; in effetti, alcuni storici hanno notato che l’inquadramento anticomunista di molte di queste lotte ha limitato gli orizzonti del progresso sociale. Ad esempio, mentre la discriminazione razziale veniva spesso espressa come antitetica alla libertà americana, la povertà e la disuguaglianza economica erano più spesso comprese come parte del capitalismo, intrinsecamente irrisolvibili. L’anticomunismo ha paralizzato anche il movimento operaio internamente, consentendo la persecuzione per sospette o dichiarate simpatie comuniste, la divisione e una facile cooptazione da parte dei capitalisti.

Le prossime grandi ondate di progresso sociale non saranno fornite dalla geopolitica. Non esiste un rivale socialista comparabile con gli Stati Uniti che appoggi i nostri radical domestici e dia ai nostri movimenti sociali sia valore di propaganda che peso di realpolitik, come una volta l’URSS. Dobbiamo creare quella credibile minaccia di sinistra dall’interno, attraverso il nostro organizzarci, le nostre idee e istituzioni. Quando lo faremo, faremo ancora progressi su questioni materiali come queste.

* giornalista free lance. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista socialista americana Jacobin.
  Traduzione di Maurizio Acerbo

Manifestanti bianchi e neri disoccupati organizzati dal Partito comunista picchettano la Casa Bianca il
6 marzo 1930 come parte di una protesta nazionale contro la disoccupazione nelle città di tutto il paese.
(Flickr)