Slavoj Zizek: comunismo globale o legge della giungla, il coronavirus ci costringe a decidere

  • Posted on: 20 March 2020
  • By: Anonimo (non verificato)

Pubblichiamo la traduzione di un articolo del filosofo sloveno Slavoj Zizek del 10 marzo scorso. 
Man mano che il panico si diffonde sul coronavirus, dobbiamo fare la scelta definitiva: o mettiamo in atto la logica più brutale della sopravvivenza del più adatto o qualche tipo di comunismo reinventato con coordinamento e collaborazione globali.
I nostri media ripetono all’infinito la formula “Nessun panico!” E poi riceviamo tutti i resoconti che non possono che innescare il panico. La situazione assomiglia a quella che ricordo della mia giovinezza in un paese comunista: quando i funzionari del governo assicuravano al pubblico che non c’è motivo di andare nel panico, tutti abbiamo preso queste assicurazioni come chiari segni che erano loro stessi nel panico.

La situazione  è troppo seria per  perdere tempo con il panico
Il panico ha una sua logica. Il fatto che, nel Regno Unito, a causa del panico del coronavirus siano spariti anche i rotoli di carta igienica dai negozi, mi ricorda uno strano incidente con la carta igienica della mia giovinezza nella Jugoslavia socialista. All’improvviso, circolò la voce che nei negozi non c’era abbastanza carta igienica. Le autorità prontamente assicurarono che c’era abbastanza carta igienica per il consumo normale e, sorprendentemente, questo non era solo vero, ma la gente credeva addirittura che fosse vero.
Tuttavia, un consumatore medio ragionava nel modo seguente: so che c’è abbastanza carta igienica e la voce è falsa, ma cosa succede se alcune persone prendono sul serio questa voce e, in preda al panico, inizieranno a fare incetta  di carta igienica, causando in questo modo un’effettiva mancanza di carta igienica? Quindi è meglio che io stesso  vada a comprarmi  delle scorte .
Non è nemmeno necessario credere che alcuni prendano sul serio la voce – è sufficiente supporre che alcuni credano che ci siano persone che prendono sul serio la voce – l’effetto è lo stesso, vale a dire la vera mancanza di carta igienica nei negozi . Qualcosa di simile non sta succedendo nel Regno Unito (e anche in California) oggi?
La strana contropartita di questo tipo di panico eccessivo in corso è la totale mancanza di panico laddove sarebbe stato pienamente giustificato. Negli ultimi due anni, dopo le epidemie di SARS ed ebola, ci hanno detto più volte che una nuova epidemia molto più forte è solo una questione di tempo, che la domanda non è SE, ma QUANDO si verificherà. Sebbene fossimo razionalmente convinti della verità di queste terribili previsioni, in qualche modo non le abbiamo prese  sul serio ed eravamo riluttanti ad agire e ad impegnarci in preparativi seri – l’unico posto in cui ci siamo occupati di loro è stato nei film apocalittici come Contagion.
Ciò che questo contrasto ci dice è che il panico non è un modo corretto per affrontare una vera minaccia. Quando reagiamo in preda al  panico non prendiamo la minaccia troppo sul serio. Al contrario, la banalizziamo. Pensate a quanto sia ridicolo l’acquisto eccessivo di rotoli di carta igienica: come se avere abbastanza carta igienica avesse importanza nel mezzo di un’epidemia mortale. Quindi quale sarebbe una reazione appropriata all’epidemia di coronavirus? Cosa dovremmo imparare e cosa dovremmo fare per affrontarla seriamente?
 
Cosa intendo per comunismo
 
Quando ho suggerito che l’epidemia di coronavirus potesse dare una nuova botta di vita al comunismo, la mia affermazione è stata, come previsto, ridicolizzata. Anche se sembra che il forte approccio alla crisi da parte dello stato cinese abbia funzionato – almeno ha funzionato molto meglio di quello che succede ora in Italia – anche la vecchia logica autoritaria dei comunisti al potere ha dimostrato chiaramente i suoi limiti. Uno di questi era che la paura di portare cattive notizie a coloro che erano al potere (e al pubblico) supera i risultati effettivi – questo è apparentemente il motivo per cui coloro che per primi hanno condiviso informazioni su un nuovo virus sono stati arrestati, e secondo alcune fonti  una cosa simile continua ad accadere anche adesso. 
“La pressione per riportare la Cina al lavoro dopo il blocco causato dal  coronavirus sta facendo rinascere una vecchia tentazione: falsificare i dati in modo che mostri agli alti funzionari ciò che vogliono vedere”, riferisce Bloomberg. “Questo fenomeno si sta verificando nella provincia di Zhejiang, un hub industriale sulla costa orientale, sotto forma di consumo di elettricità. Ad almeno tre città è stato dato l’obiettivo di alzare il consumo di energia nelle fabbriche locali  perché stanno usando i dati per mostrare una ripresa della produzione, secondo le persone che hanno familiarità con la questione. Ciò ha spinto alcune aziende a far funzionare i  macchinari anche se i loro impianti rimangono vuoti, come molti riferiscono “.

Possiamo anche indovinare quale sarà il seguito quando coloro che detengono il potere noteranno questo imbroglio: i dirigenti locali saranno accusati di sabotaggio e severamente puniti, riproducendo così il circolo vizioso di sfiducia … Ci vorrebbe un Julian Assange cinese per  rivelare al pubblico questo lato nascosto di come la Cina stia affrontando l’epidemia. Quindi se questo non è il comunismo che ho in mente, cosa intendo per comunismo? Per capirlo, è sufficiente leggere le dichiarazioni pubbliche dell’OMS – eccone una recente:
Il capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato la scorsa settimana che sebbene le autorità sanitarie di tutto il mondo abbiano la capacità di combattere con successo la diffusione del virus, l’organizzazione è preoccupata che in alcuni paesi il livello di impegno politico non corrisponda al livello di minaccia. “Questa non è una esercitazione. Questo non è il momento di arrendersi. Questo non è il momento delle scuse. Questo è il momento di fare  tutto il possibile.  I paesi hanno pianificato scenari come questo per decenni. Ora è il momento di agire su quei piani”, ha detto Tedros. “Questa epidemia può essere respinta, ma solo con un approccio collettivo, coordinato e globale che coinvolge l’intero meccanismo di governo”.
Si potrebbe aggiungere che un approccio così globale dovrebbe andare ben oltre le macchine dei singoli governi: dovrebbe comprendere la mobilitazione locale delle persone al di fuori del controllo statale, nonché un coordinamento e una collaborazione internazionale forte ed efficiente.
Se migliaia saranno ricoverati in ospedale per problemi respiratori, sarà necessario un numero enormemente maggiore di macchinari per la respirazione assistita e per ottenerli, lo stato dovrebbe intervenire direttamente nello stesso modo in cui interviene in condizioni di guerra quando sono necessarie migliaia di pistole, e dovrebbe fare affidamento sulla cooperazione di altri stati. Come in una campagna militare, le informazioni dovrebbero essere condivise e i piani pienamente coordinati – QUESTO è tutto ciò che intendo per “comunismo” necessario oggi, o, come ha affermato Will Hutton: “Ora, una forma di globalizzazione non regolamentata, del libero mercato con la sua propensione per crisi e pandemie sta sicuramente morendo. Ma sta nascendo un’altra forma che riconosce l’interdipendenza e il primato dell’azione collettiva basata sull’evidenza ”.
 
Necessità di  coordinamento globale e di  collaborazione  
 
Ciò che ora predomina è ancora la posizione di “ogni paese per sé”: “Esistono divieti nazionali sulle esportazioni di prodotti chiave come le forniture mediche, con i paesi che stanno ricadendo sulla propria analisi della crisi tra carenze localizzate e approcci casuali e primitivi al contenimento”, ha scritto Will Hutton nel Guardian.
L’epidemia di coronavirus non indica solo il limite della globalizzazione del mercato, ma segnala anche il limite ancora più fatale del populismo nazionalista che insiste sulla sovranità dello stato: è finita con lo slogan “Prima l’America! o prima gli Italiani (o qualsiasi altro popolo)” poiché l’America può essere salvata solo attraverso coordinamento e collaborazione globali.
Non sono un utopista qui, non faccio appello a una solidarietà idealizzata tra le persone – al contrario, l’attuale crisi dimostra chiaramente quanto la solidarietà e la cooperazione globali siano nell’interesse della sopravvivenza di tutti e di ognuno di noi, come sia l’unica cosa razionale egoista da fare. E non è solo il coronavirus: la stessa Cina ha subito un’influenza suina gigantesca mesi fa, ed è ora minacciata dalla prospettiva di un’invasione di locuste. Inoltre, come ha osservato Owen Jones, la crisi climatica uccide molte più persone in tutto il mondo rispetto al coronavirus, ma non c’è panico al riguardo.
Da un cinico punto di vista vitalista, si sarebbe tentati di vedere il coronavirus come un’infezione benefica che consente all’umanità di sbarazzarsi di vecchi, deboli e malati, come estirpare l’erba semi-marcia, e quindi contribuire alla salute globale.
 
L’ampio approccio comunista che sto sostenendo è l’unico modo per noi di lasciarci davvero alle spalle un punto di vista vitalista così primitivo. I segni di riduzione della solidarietà incondizionata sono già riconoscibili nei dibattiti in corso, come nella nota seguente sul ruolo dei “tre saggi” se le epidemie assumono una svolta più catastrofica nel Regno Unito: “Ai pazienti NHS potrebbe essere negata l’assistenza salvavita durante un grave focolaio di coronavirus in Gran Bretagna se le unità di terapia intensiva si trovassero a lottare per fronteggiarla, stando all’allarme lanciato dai medici senior.
 In base al cosiddetto protocollo dei “tre saggi”, tre consulenti senior in ogni ospedale sarebbero costretti a prendere decisioni sul razionamento delle cure come apparati per la respitazione e  letti, nel caso in cui gli ospedali fossero sopraffatti dal numero eccessivo di pazienti ”.
Su quali criteri faranno affidamento i “tre saggi”? Sacrifica il più debole e il più anziano? E questa situazione non aprirà solo lo spazio per un’immensa corruzione? Tali procedure non indicano forse che ci stiamo preparando ad attuare la logica più brutale della sopravvivenza del più forte? Quindi, ancora una volta, la scelta finale è: o questo o qualche tipo di comunismo reinventato.
 
https://www.rt.com/op-ed/482780-coronavirus-communism-jungle-law-choice/