Rifondazione: La destra sovranista della provincia di Frosinone, continua a far ridere i polli

  • Posted on: 11 January 2021
  • By: Anonimo (non verificato)

La destra sovranista della nostra provincia continua a far ridere i polli, riproponendo sempre temi cari all’epoca medioevale, temi che la società moderna ha superato ampiamente, eppure siamo costretti a risentirli.
Quest’estate siamo intervenuti per denunciare le iniziative dei Sindaci di Anagni e di Fiuggi (chiaramente appartenenti all’area della destra sovranista), dove il primo spacciava per iniziativa culturale una serata di odio contro gli omosessuali rei di essere affetti da una grave malattia mentale, e il secondo (in buona compagnia di illustri signori galleggianti in quell’area) lasciava intendere che la grave crisi economica e turistica del comune di Fiuggi, era causata dalla presenza dei migranti sul territorio.
Purtroppo la storia si ripete nei Comuni di Ceccano e di Frosinone, con la stessa bassezza di livello e con la stessa puzza di becera propaganda!
Infatti, un noto assessore del comune Fabraterno non nuovo ad atti di stampo medioevale (come bruciare i libri in piazza in ottima compagnia), pensa bene dall’alto della sua carica istituzionale di Assessore (purtroppo) alla cultura, di trattare i temi di Capitol Hill al pari di un comune bevitore da osteria, che dopo aver gustato qualche bicchiere di buon vino, commenta i fatti del giorno, purtroppo (per lui) non tenendo conto della sua responsabilità istituzionale, ma soprattutto dopo che tutto il mondo (istituzionale e politico) ha condannato duramente i fatti. Consigliamo al fervente assessore, di rilasciare qualunque dichiarazione prima di recarsi in cantina, e per quelle già rilasciate sarebbe buon uso e costume dare le dimissioni.
Ma non è finita… a tali dichiarazioni gli fa eco un consigliere comunale del comune capoluogo (che galleggia nella stessa area politica), che con sprezzante senso di responsabilità nei confronti del ruolo istituzionale ricoperto, si permette di ironizzare sui vaccini con tanto di fotografia ritoccata che ritrae il famoso cancello del campo di concentramento di Auschwitz con la scritta in alto: “il vaccino rende liberi”. È grave che di fronte a migliaia di morti, ancora si possa tenere un livello di rispetto così basso e irriguardoso, soprattutto quando si ricoprono ruoli istituzionali. A questo illustre consigliere comunale, gli diamo lo stesso consiglio dato all’assessore di Ceccano, con stesse ed uguali modalità da seguire.
Richiamiamo al senso di responsabilità anche il Sindaco di Ceccano Caligiore e il Sindaco di Frosinone Ottaviani, in primis perché questi signori fanno parte delle loro maggioranze e ricoprono ruoli istituzionali, con un preciso invito a dimettersi, e soprattutto prendendone immediatamente le distanze politiche e personali. In caso contrario sarebbe veramente grave non farlo, e per quanto ci riguarda, scenderebbero al loro basso livello!
Chiudiamo questo comunicato allo stesso modo in cui chiudemmo il nostro comunicato estivo sopra richiamato: “i nostri rappresentanti provinciali della destra sovranista sono i campioni del mondo nel far ridere i polli!”
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea
Federazione Provinciale di Frosinone