Rifondazione Comunista

Il Tribunale di Milano ci ricorda quanti danni ha fatto il Pd e che il Jobs Act non è stato abrogato da Di Maio

  • Posted on: 19 August 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

COMUNICATO STAMPA
Jobs Act – Acerbo (Prc-SE): Tribunale Milano ci ricorda quanti danni ha fatto il Pd e che il Jobs Act non è stato abrogato da Di Maio
Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea ha dichiarato:
“L’ordinanza del Tribunale di Milano che rinvia alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea l’articolo 10 del Jobs Act ci ricorda quanti danni hanno fatto i governi del Pd.
E che Di Maio – soprattutto per responsabilità della Lega – non ha abrogato il Jobs Act.

Lula non è stato processato, è stato ed è vittima di persecuzione politica

  • Posted on: 19 August 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

A cura di Teresa Isenburg
 
Un gruppo di esponenti di chiara fama di giuristi ed ex responsabili della Giustizia di diversi paesi ha elaborato e divulgato l’11 agosto 2019 un fermo messaggio rivolto in particolate al Supremo Tribunale Federale brasiliano per il ripristino del debito processo nei confronti dell’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva e per il rispetto dello Stato di diritto.
 

Genova: parole di Mattarella inequivocabili. Revoca concessione atto di giustizia

  • Posted on: 17 August 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

Le parole del Presidente della Repubblica nell’anniversario della strage di Genova meritano la massima dell’attenzione.
Il Presidente Mattarella è abituato a soppesare con prudenza i giudizi e non è certo schierato ideologicamente contro privatizzazioni.
Il presidente parla a proposito della tragedia del crollo del Ponte Morandi di “dolore causato da incuria, omesso controllo, consapevole superficialità, brama di profitto”.
E’ evidente anche al Presidente che vi sono responsabilità della società concessionaria dell’autostrada.

Sinistra e movimenti genovesi uniti contro il decreto sicurezza bis

  • Posted on: 15 August 2019
  • By: Anonimo (non verificato)

Il 5 agosto, dopo l’approvazione della Camera il 24 luglio, anche il Senato ha approvato il Decreto Sicurezza bis, contenente ulteriori inasprimenti di pene e sanzioni per il soccorso in mare dei naufraghi migranti e di misure repressive nei confronti di espressioni di manifestazioni di dissenso e conflitto sociale, sul voto del quale il governo aveva posto la fiducia.

Pagine